Milano fashion week 2017: cosa succede dietro le quinte

settimana della moda milanese 2017

Milano fashion week 2017: il mio punto di vista da dietro le quinte

Milano fashion week 2017, l’evento fashion che si manifesta ogni 6 mesi per anticipare le tendenze in tema di moda, si è concluso qualche giorno fa. Anche quest’anno ho avuto il piacere di partecipare alla settimana della moda, ma solo per qualche giorno, il tempo di incontrare delle persone interessanti, di vedere qualche sfilate qui e lí e di presenziare alle presentazione di alcuni brand emergenti che mi interessavano. Ma il regalo più grande è stato assistere alla conversazione aperta con Manolo Blahnik. Non sai chi è? Ti annuncio che da oggi non siamo più amiche!
Manolo Blahnik è il designer delle scarpe indossate da Cherry in Sex and city. A parte questa piccola grande sorpresa, sono stati giorni impegnativi ma molto ispiranti. Come sempre la Milano fashion week si rivela un momento positivo e da non perdere né per i curiosi né per chi lavora nella moda. roberto musso estate 2017

estate 2017 ettore bilotta

Settimana della moda Milano: critiche di dietro le quinte

La settimana della moda Milano, al rientro a Trento mi ha fatto riflettere. Tra una sfilata e un aperitivo, in quei giorni, ho ascoltato diversi commenti sulla fashion week: “La settimana circense”, “E’ arrivato il Carnevale in anticipo”. Ahimè, lo ammetto, sono d’accordo con loro. La moda ha superato i limiti e questo a discapito dei veri “addetti al lavoro”. Ognuno si veste come meglio crede ma, il buon gusto dove è finito? Gli abbinamenti di colori, il mix&match e il gioco delle proporzioni? Tutte le regole del dress code e lo stile, le abbiamo dimenticate? Se posso esprimere il mio pensiero, stiamo arrivando a un punto senza ritorno. Così non va bene. Persone come Alberto Zambelli che sfilano con capi e materiali ricercati come plastica-pelliccia… non vengono valorizzate.  Non viene dato il giusto riconoscimento al lavoro dei creativi, degli stilisti e dei fashion stylist.

estate 2017 Ultràchic-13 primavera-estate-2017 gucci

La moda di oggi

Credo che, noi amanti del fashion, dovremmo lasciarci ispirare dagli stilisti e dalle ultime tendenze, non copiare. Anche perché diciamolo… Se non lo sai fare ti viene male! Come diceva Chanel less is better. Bisogna capire che la moda è arte, è cultura e dietro a ogni capo c’è la storia raccontata da uno stilista. Come quella raccontata da Alessandro Michele, stilista di Gucci, che ha presentato una collezione, che io personalmente non indosserei poiché non rientra nel mio stile ma, dove a ogni capo e accessorio c’è un filo conduttore, una consapevolezza. Nulla è lasciato al caso. Tutto ha un senso, un’armonia, non come quelle persone che prima di uscire si buttano nell’armadio senza nemmeno guardarsi allo specchio.

estate 2017 gucci

estate 2017 marco de vincenzo

estate 2017 marco de vincenzo

Rientrata a casa, ho riflettuto e sono arrivata alla conclusione che più parlo di moda, quella fatta non solo di vestiti ma di tanto altro, e più capisco l’importanza di difenderla. La moda è arte, storia… E’ tutto. Tutto ciò che una persona curiosa come me, può desiderare. C’è sempre da imparare e io sono pronta a farlo, sì, perché per fare moda bisogna conoscerla. 

Milano fashion week 2017 è terminata ci vediamo a settembre, a presto. 

Olly

Grazia Oliviero

Blogger e style coach. Penso che la moda sia personale e che ognuno debba crearsi il proprio stile. “Bien dans sa peau”, dicono i francesi. Lo stile è stare bene nella propria pelle ed io ne ho fatta la mia filosofia di vita.

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *